Sul caso Russiagate- La versione di Trump

2017-05-19 L’Osservatore Romano

«È la più grande caccia alle streghe contro un politico nella storia americana». Parole dure, scritte, ancora una volta, sul suo immancabile account Twitter. Il presidente statunitense, Donald Trump, risponde alle critiche e alle polemiche relative al Russiagate, ovvero i presunti collegamenti tra il suo staff (prima in campagna elettorale, ora alla Casa Bianca) e il Cremlino. «Con tutti gli atti illegali avvenuti nella campagna elettorale di Clinton e sotto l’amministrazione Obama — ha detto Trump — non è mai stato nominato un commissario speciale».

Il presidente ha negato di aver chiesto a James Comey, l’ormai ex capo dell’Fbi, «la fine delle indagini sul Russiagate» e sul suo ex consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn, travolto dallo scandalo. Trump ha detto di essere convinto che la decisione di rimuovere il direttore dell’Fbi sia stata condivisa, bipartisan. Mentre la nomina di un procuratore speciale che indaghi sui legami tra la sua campagna presidenziale e la Russia è certamente destinata — ha spiegato il capo della Casa Bianca — a «dividere il paese». Quanto alla possibilità che alla fine la procedura di impeachment sia aperta, per Trump è una cosa «ridicola». Tuttavia, il caso si sta complicando. Ogni giorno escono nuove rivelazioni da parte della stampa. Flynn ha fatto sapere che non onorerà il mandato di comparizione spiccato dal Congresso, in cui gli è stato chiesto di presentare alcuni documenti sui suoi rapporti con Mosca. In ogni caso, il Cremlino ha già smentito tutto: dai legami con la campagna elettorale allo scambio di informazioni segrete. Tanto che il presidente Vladimir Putin ha detto di essere pronto a fornire le registrazioni della conversazione tra Trump e il ministro degli esteri russo, Serghiei Lavrov, alla Casa Bianca. Il presidente statunitense aveva però ammesso pubblicamente di aver rivelato a Lavrov informazioni top secret rivendicando il suo diritto, sancito dalla costituzione, di desecretare i dossier.