Premiata ad Assisi Angela Alioto per il suo impegno a favore dei senzatetto

2012-10-05 Radio Vaticana

Ad Assisi nell'ambito delle celebrazioni per la festa di San Francesco, Patrono d’Italia, l’assegnazione del riconoscimento “Rosa d’argento Frate Jacopa 2012 – donne del nostro tempo testimoni di fede speranza e carità” ad Angela Alioto , madre di 4 figli, da decenni impegnata politicamente a sostegno dei senza tetto di San Francisco in California. Si deve a lei anche la costruzione della “Nuova Porziuncola” e il restauro della storica chiesa dedicata al Poverello nella città americana. Paolo Ondarza l’ha intervistata:

R. - Quando avevo 15 anni, andavo a scuola a Firenze dove vivevo con i miei zii. Un giorno mi chiesero di venire ad Assisi con loro, ma io volevo rimanere a Firenze perché pensavo: “Questo Santo è morto 800 anni fa…”. Quando sono scesa dal treno nella stazione di Santa Maria degli Angeli (Assisi) ho sentito come un vento caldo dentro il mio cuore. Poi mi sono messa in cammino dalla stazione del treno, fino al Sacro Convento. Da quel momento Francesco mi ha “preso”, lui è il più caro amico nella mia vita: ama tutti, indipendentemente da chi sono, dal colore della pelle, dalle idee: lui voleva che tutti potessero andare in paradiso. Per amare Francesco bisogna amare Gesù Cristo.

D. - Come le tutte le grandi città, anche a San Francisco si vive la contraddizione della povertà accanto al benessere. Quello che può fare la differenza in un simile contesto è quando si sceglie di abbracciare il sofferente; pensiamo all’abbraccio di Francesco con il lebbroso, origine della sua conversione…

R. - Sì, assolutamente. E’ il caso delle persone malate di aids. Quando sono stata eletta nell’88, presidente del consiglio, della provincia della città di San Francisco, mi sono impegnata per la stesura di leggi a favore dei senzatetto, per dar loro una casa. La città di San Francisco ha più di 15mila persone senzatetto e abbiamo voluto dare una casa a coloro che vivono in strada, da più di 5 anni. Questa casa che abbiamo costruito a San Francisco è dotata anche di una sezione medica, che è molto importante viste le condizioni psico-sanitarie di queste persone. Il nostro lavoro è ora imitato in vari Stati degli Usa.

D. - Vogliamo spendere qualche parola anche sulla costruzione della Nuova Porziuncola per la quale lei si è adoperata?

R. - Nel 2005 stavano vendendo molte chiese di San Francisco. Era una cosa che spezzava il cuore. Perciò, sono andata dall’arcivescovo del Nevada e ho detto: “Per favore, non dobbiamo cedere la chiesa di San Francesco, perché innanzitutto è la chiesa più antica della nostra città, costruita nel 1849 e poi a San Francisco dobbiamo avere la chiesa di Francesco!”. Quindi, ho spiegato la mia idea: “Nella vecchia palestra costruiamo una riproduzione della Porziuncola, poi restauriamo la vecchia chiesa, mentre nel refettorio potrebbe sorgere l’università del pensiero francescano”. L’arcivescovo mi disse di sì, perciò sono venuta in Italia, ho trovato le persone giuste: progettisti, falegnami etc…; ma non li ho trovati io, è stato Francesco a trovare tutti quanti con lo Spirito Santo! La Nuova Porziuncola di San Francesco è uguale a quella di Assisi, è un posto santo dove vengono mille persone a settimana. Quando abbiamo aperto - settembre 2008 - non c’era nessuno addetto alla sorveglianza e alla cura della Porziuncola. Per questo motivo abbiamo fondato l’organizzazione dei “Cavalieri di San Francesco”, che svolgono servizio presso la Porziuncola oltre ad attività caritative con i poveri ed i malati. In quei giorni eravamo pochi - 10,12 persone – oggi, invece, siamo più di 320, appartenenti a tutte le religioni - buddisti, ebrei, musulmani - proprio come diceva Francesco: “Tutti in Paradiso!”.

D. - Il suo impegno è stato riconosciuto in questi giorni, in occasione della festa di San Francesco, con la “Rosa d’argento - Frate Jacopa 2012”…

R. – E’ stato difficile accettarlo. Perché non si trattava di un riconoscimento alla mia attività politica, riguardava la mia vita di fede. È difficile ricevere un premio per la fede, poi ho capito che si trattava di un riconoscimento, non di un premio. La Rosa d’argento sarà messa sul muro della Nuova Porziuncola di Francesco a San Francisco. Resterà là per sempre, nella sua città americana.