Mons. Sigalini: per migliorare la società servono cristiani onesti e maturi

2013-01-22 Radio Vaticana

“Assistenti adulti per adulti nella fede”: è il tema del Convegno nazionale degli assistenti dell’Azione Cattolica, iniziato lunedì a Roma per concludersi domani. Per una riflessione sul tema dell’assise e la sfida dell'essere operatori pastorali oggi, Alessandro Gisotti ha intervistato mons. Domenico Sigalini, assistente generale dell’Azione Cattolica:

R. – Un prete si misura con la maturità della sua fede e per come aiuta i laici a diventare adulti nella fede. Non si cercano elucubrazioni o discorsi astratti, si parla invece di ritrovare quella unità di persona che nasce dal pensare alla sua vita come una risposta generosa a una vocazione. Non è un affastellamento di impegni: è il dramma che abbiamo un po’ tutti noi che lavoriamo nella pastorale. Dove sta il segreto di questa maturità? Perché per noi, maturità non vuol dire sapere tante cose, avere tante lauree: è soprattutto vedere se c’è questa unità e dignità che ti rende contento e felice di essere cristiano e di essere corresponsabile nella vita della Chiesa. Questo è l’obiettivo che ci stiamo ponendo in questi giorni.

D. – Un obiettivo al tempo stesso semplice e quanto mai avvincente, anche difficile per i tempi che viviamo: rendere ragione della propria fede, della propria speranza…

R. – Esatto. E di fatto, questo rendere ragione parte anche da alcune nostre difficoltà, perché noi non siamo mica dei pezzi di ferro... Anche per noi la fede è una risposta generosa a un invito di Dio, a una vocazione… Quindi, si tratta di discernere nella nostra vita cosa Dio voglia da noi e quindi rispondere con grande generosità, pur dentro le difficoltà della nostra società.

D. – In un messaggio che vi ha indirizzato per l’apertura del Convegno, il Papa ha auspicato che proprio da queste giornate ci sia un rinnovato slancio apostolico per la generosa testimonianza evangelica…

R. – La quale testimonianza, sicuramente, può essere fatta di parole, ma soprattutto è fatta del comportamento della vita: dello stile, dell’onestà... Ccon tutto il movimento che c’è adesso in politica, noi ci stiamo domandando: c’è la possibilità di essere cristiani onesti all’interno di queste strutture, di essere persone che annuncino dei valori, ma che li mettano anche in pratica? E’ una maturità che sta molto sulla concretezza, molto sul popolare, perché noi non siamo gli specialisti. La nostra è un’associazione di fedeli laici – papà, mamme, bambini, ragazzi – che vogliono vivere fino in fondo la loro fede ed essere propositivi per tutti.

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio