Monito statunitense a Pyongyang - Bombardiere supersonico sorvola la penisola coreana

2017-12-06 L’Osservatore Romano

Un bombardiere supersonico b-1b Lancer statunitense ha sorvolato oggi la penisola coreana. La missione rientra nelle esercitazioni aeronautiche congiunte tra Stati Uniti e Corea, iniziate lunedì nella regione e in programma fino a venerdì prossimo. Lo ha riferito l’agenzia di stampa sudcoreana Yonhap, citando fonti militari. 

Caccia sudcoreani e statunitensi durante un’operazione congiunta (Epa)

Si tratta, commentano gli analisti politici internazionali, di un chiaro avvertimento alla Corea del Nord dopo il lancio — la settimana scorsa — del missile balistico intercontinentale Hwasong-15, il più potente di sempre, in grado di colpire tutti gli Stati Uniti, inclusa Washington e la costa orientale. L’aereo supersonico, normalmente basato nell’isola del pacifico di Guam, ha simulato bombardamenti su un campo militare vicino alla costa orientale della Corea del Sud. Pyongyang ha duramente condannato le esercitazioni militari tra Washington e Seoul, definendole «una pericolosa provocazione che può portare a una guerra nucleare in ogni momento». Alle manovre militari prendono parte oltre duecento aerei, inclusi sei caccia F-22 e diciotto F-35 raptor, velivoli invisibili ai radar.

E per discutere delle attività legate al programma missilistico e nucleare della Corea del Nord, il segretario generale dell’Onu, António Guterres, sarà a Tokyo il 13 e il 14 dicembre prossimo. Si tratta della prima visita di Guterres in Giappone dall’inizio del suo mandato (gennaio). Previsto un incontro con il premier nipponico, Shinzo Abe, al quale illustrerà il progetto di riforme avviate dal Consiglio di sicurezza a New York. Durante la visita, Guterres parteciperà a un forum per promuovere l’accesso globale alle cure sanitarie e farà un discorso alla Sophia University di Tokyo.