Mondo ecumenico: Papa Francesco darà nuovo slancio al cammino per l'unità

2013-03-14 Radio Vaticana

Si augura “un generoso e fruttuoso ecumenismo”, l’arcivescovo di Canterbury e massima carica religiosa della Chiesa anglicana, Justin Welby, commenta l’elezione di Papa Francesco, al quale invia “tutte le nostre benedizioni per le enormi responsabilità che si è assunto in nome della Chiesa cattolica nel mondo”. Sulla figura del nuovo Pontefice, l’arcivescovo ha detto che “è noto come pastore che ha servito i poveri in America Latina, così come è nota la sua vita di semplicità e santità”. “Una svolta per la Chiesa cattolica ma anche per le altre Chiese”: questo il pensiero di Olav Fykse Tveit, segretario generale del Consiglio ecumenico delle Chiese (Wcc), sull’elezione del cardinale Jorge Bergoglio a Papa, come riporta l’agenzia Sir. Sull’impegno nel mondo ecumenico aggiunge: “Abbiamo imparato a essere pellegrini insieme nel movimento ecumenico, e siamo particolarmente grati per il modo in cui la Chiesa cattolica lavora con noi su questioni altamente significative di unità, ecclesiologia, missione e dialogo interreligioso”. Per il futuro, Tveit si aspetta di proseguire con Papa Francesco I questa collaborazione, in un “rapporto amorevole”, per continuare a costruire “quella vera unità dei credenti per la quale Cristo ha pregato”. Anche il Patriarca Bartolomeo I si è vivamente congratulato con il nuovo Pontefice, secondo quanto riporta AsiaNews. “Voglio esprimere – ha detto – l’augurio e la certezza che il Santo Padre contribuirà alla pace della già martoriata umanità, dei poveri e dei sofferenti”. Per il Patriarca, il Papa “darà nuovo slancio al cammino per l’unità delle due Chiese”, già proficuamente iniziato sotto il pontificato di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI. (V.C.)