​L’obiettivo dell’Asian Youth Day - Unità tra le differenze

2017-03-16 L’Osservatore Romano

Jakarta, 16. Accompagnare i giovani nel vivere e promuovere una cultura della solidarietà e dell’incontro nelle società multiculturali e multireligiose dell’Asia. Questo il principale obiettivo dell’Asian Youth Day, la giornata della gioventù asiatica in programma l’estate prossima, dal 30 luglio al 6 agosto, in Indonesia, a Yogyakarta, nella provincia di Giava centrale. «Gioventù asiatica in festa: vivere il Vangelo nell’Asia multiculturale» è infatti il tema dell’evento, giunto alla sua settima edizione, che quest’anno è tuttavia destinato ad assumere un significato del tutto particolare, perché ospitato nel più popoloso paese islamico del mondo. 

«Ci aspettiamo che la gioventù cattolica in Indonesia e negli altri paesi dell’Asia possa partecipare e coinvolgersi nello spirito del tema centrale: comprendere e vivere l’importanza dell’unità tra le differenze», ha detto presentando l’iniziativa l’arcivescovo di Jakarta, Ignatius Suharyo. Un concetto sottolineato anche dal responsabile della Commissione episcopale per la gioventù, il vescovo di Ketapang, Pius Riana Prapdi, il quale ha messo in luce come la principale preoccupazione della Chiesa sia appunto quella di «accompagnare i giovani a sviluppare solidarietà e sensibilità sociale per le sfide che oggi vivono i popoli dell’Asia, come povertà, ambiente degradato, abusi dei diritti umani, droga, intolleranza e ingiustizia». E ha aggiunto: «Oggi le differenze e le diversità delle nazioni asiatiche sono il bene che siamo chiamati a utilizzare. Attraverso l’incontro, i giovani cattolici, provenienti da diversi paesi, si spera che possano condividere esperienze, riflessioni e intuizioni di fede, in modo da rafforzare la loro fiducia per un futuro migliore».