I primi santi di Papa Francesco

2013-05-12 L’Osservatore Romano

I numeri della prima canonizzazione di Papa Francesco sono già un piccolo record. Domenica 12 maggio, in piazza San Pietro, in un’unica celebrazione il Pontefice eleva agli onori degli altari ben 802 santi. Di questi, 800 sono martiri, caduti a Arazzo per la beatificazione dei martiri di OtrantoOtranto durante l’assedio dei turchi nel 1480. Le altre due sono suore fondatrici di congregazioni religiose:  Laura Montoya y Upegui — la prima santa della Colombia che viene canonizzata dal primo Papa latinoamericano della storia — e la messicana María Guadalupe García Zabala. Ne abbiamo parlato in questa intervista al nostro giornale con il cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi.

C’è un filo comune che unisce queste canonizzazioni?

Innanzitutto, bisogna dire che questi 800 martiri hanno salvato l’Italia nella sua identità cattolica e cristiana. Va sottolineato che le due suore sono latinoamericane. Per una manifestazione della divina Provvidenza, saranno canonizzate da Papa Francesco, primo Pontefice latinoamericano. È un ulteriore segno di incoraggiamento alla Chiesa di quel continente, chiamata a eccellere nella testimonianza cristiana e nell’espansione del regno di Dio su tutta la terra.

Nicola Gori