Diaconato, accoglienza e servizio ai malati: il tema del convegno di Cefalù

2017-07-21 Radio Vaticana

Di Benedetta Capelli

“Diaconi educati all’accoglienza e al servizio dei malati” è il tema del convegno presentato oggi nella Sala Marconi della Radio Vaticana  e promosso dalla Comunità del diaconato in Italia e dall’Ufficio Cei della Pastorale della Salute. Una 4 giorni che si terrà nella diocesi di Cefalù dal 2 al 5 di agosto.

Si tratta di un momento di approfondimento per il ministero diaconale in Italia che conta 4.450 diaconi, dislocati a macchia di leopardo nelle 250 diocesi italiane, 300 nella sola diocesi di Napoli. Un numero in costante crescita. “Attenzione – afferma Enzo Petrolino, presidente della Comunità del diaconato in Italia – la nostra è una realtà viva, oggi attenta alle emergenze di questo tempo come le immigrazioni, la situazione degli anziani ma noi non siamo sostituti del parroco”. “Il diacono – evidenzia Petrolino – è colui che anima il servizio, la diaconia che è di tutti i battezzati”. La crescita dunque non è legata alla carenza di presbiteri ma la risposta ad una vocazione e il convegno presentato è un modo per ribadire due pilastri della chiamata: l’accoglienza e il servizio in particolare dei malati.

“La carità è un tema del diaconato – sostiene don Carmine Arice, direttore ufficio nazionale pastorale della salute della Cei – ma è necessario ribadirlo anche nel Convegno di Cefalù. Papa Francesco ci ha spiegato che la Chiesa è un ospedale da campo e pertanto il diacono deve porsi a servizio dei malati, per farsi primo servo della carità”. Venerdì 4 agosto, don Carmine Arice terrà una relazione sui diaconi e la cura in un contesto multietnico e multireligioso “perché – afferma – è importante rispondere alle nuove sfide, comprendere il modo in cui essere segno della cura di Dio tra i malati”.

A trovare spazio nel convegno sul diaconato anche la figura della sposa del diacono, “una figura chiave – sottolinea Enzo Petrolino, presidente della Comunità del diaconato in Italia – nel cammino di discernimento”.

Ascolta e scarica il podcast:

 

(Da Radio Vaticana)