Delegazione di Padri sinodali in Siria: interviste con i cardinali Monsengwo e Tauran

2012-10-17 Radio Vaticana

Il Papa ha deciso di inviare nei prossimi giorni a Damasco una Delegazione del Sinodo per esprimere “fraterna solidarietà” a tutta la popolazione siriana: lo ha annunciato il cardinale segretario di Stato Tarcisio Bertone, affermando che non si può restare indifferenti di fronte ad una tragedia simile, nell’auspicio che nel Paese possano prevalere “la ragione e la compassione". La Delegazione – ha detto il porporato – porterà anche la vicinanza spirituale “ai nostri fratelli e sorelle cristiani” e “i nostri incoraggiamenti a quanti sono impegnati nella ricerca di un accordo rispettoso dei diritti e dei doveri di tutti, con una particolare attenzione a quanto previsto dal diritto umanitario”. Tra i Padri sinodali che si recheranno in Siria, c’è anche il cardinale Laurent Mosengwo Pasinya, arcivescovo di Kinshasa. Paolo Ondarza lo ha intervistato:

R. – Andiamo lì per portare alla popolazione che soffre il conforto del Santo Padre e del Sinodo, per testimoniare loro la nostra vicinanza e la nostra prossimità nella situazione che stanno vivendo. Portiamo un aiuto, una somma di denaro che i Padri sinodali raccoglieranno e affideranno alla delegazione.

D. – Quanto si vive in Siria è risuonato anche qui nell’aula del Sinodo, negli interventi delle varie persone che provengono da quella realtà...

R. – Sì, qui ci sono vescovi e patriarchi che vengono dalla Siria. Ma bisogna dire che anche altri hanno parlato di questa tragedia e hanno chiesto di fare questo gesto per la Siria per portare il conforto del Papa e della Chiesa.

D. – La soluzione però – si ribadisce – non può che essere politica...

R. – Noi non portiamo una soluzione politica, la lasciamo a chi se ne deve occupare. Noi andiamo lì per un’opera di carità e per un’opera spirituale di conforto.

Della Delegazione fa parte anche il cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. Ascoltiamolo al microfono di Hélène Destombes:

“Vogliamo esprimere la solidarietà umana alle persone, alle famiglie che soffrono tanto. Pensiamo per esempio agli emarginati, alle persone anziane, agli ammalati… L’altro giorno un vescovo presente qui al Sinodo raccontava di aver ricevuto un appello di un suo parroco che non sapeva cosa fare per un ospizio bombardato. Quindi vogliamo esprimere una solidarietà materiale anche perché ci sarà un contributo finanziario da parte dei padri e poi la solidarietà spirituale con i nostri fratelli cristiani che hanno bisogno di sentire, come in una famiglia, l’affetto, la preghiera l’accompagnamento di tutta la famiglia. Infine, incoraggiare chi sta collaborando alla ricerca di una soluzione che non può essere che politica.