Davanti alle spoglie di san Pio e san Leopoldo

2016-02-08 L’Osservatore Romano

Unendosi ai tanti pellegrini che in questi giorni stanno visitando la basilica vaticana, anche Papa Francesco ha pregato davanti alle spoglie mortali di padre Pio da Pietrelcina e di padre Leopoldo Mandić.

Nel primo pomeriggio di sabato 6 febbraio, il Pontefice si è recato in basilica, dopo che in mattinata aveva ricevuto in piazza San Pietro migliaia di devoti dei due confessori cappuccini. Entrato dalla Porta della preghiera, accompagnato dall’arcivescovo Rino Fisichella, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, il Papa è stato accolto dall’arcivescovo di Manfredonia - Vieste - San Giovanni Rotondo, monsignor Michele Castoro. Giunto davanti all’altare della Confessione — dopo aver ricevuto da un sampietrino l’immaginetta con le preghiere ai due santi, scritte per la circostanza dal cardinale arciprete Angelo Comastri — Francesco si è raccolto di fronte alle teche che conservano le salme dei frati. Poi ha preso posto tra i banchi come un comune fedele sotto il pilone di San Longino, unendosi alla recita dei misteri gloriosi del rosario. Hanno animato la semplice meditazione gli studenti della provincia cappuccina di Sant’Angelo in Puglia, intitolata anche a padre Pio. Al termine sono state lette le due preghiere — che il Papa ha pronunciato a bassa voce — riportate sull’immaginetta. Dopo circa venti minuti, alzatosi, il Pontefice nel lasciare la basilica si è fermato a salutare un bambino malato in carrozzella e la sua mamma, alcuni fedeli (in particolare due anziane donne) e religiosi della comunità cappuccina di San Giovanni Rotondo.

Il pellegrinaggio dei fedeli per venerare le reliquie è proseguito per tutta la giornata di domenica 7 febbraio e sta continuando numeroso nelle giornate di lunedì 8 e martedì 9. L’esposizione proseguirà anche nel mercoledì delle Ceneri. Giovedì 11 le reliquie ripartiranno verso le sedi di provenienza.