C9: avviata riforma Tribunali. Viganò riferisce novità su media vaticani

2017-02-15 Radio Vaticana

Prima riunione quest’anno del Consiglio dei Nove Cardinali, istituito dal Papa nel settembre del 2013, con il compito di coadiuvarlo nel governo della Chiesa e nel progetto di riforma della Curia Romana. Sulla XVIII sessione del C9, durata tre giorni, cui ha partecipato anche Francesco, ha riferito stamane in un briefing, Paloma García Ovejero, vicedirettrice della Sala Stampa vaticana. Il servizio di Roberta Gisotti

Prosegue l’impegno dei nove cardinali consiglieri del Papa per migliorare il servizio reso dai vari dicasteri vaticani alla Chiesa universale. La discussione si è concentrata sulla riforma delle Congregazioni per l’Evangelizzazione dei Popoli e per le Chiese Orientali e del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso. Si è continuato poi lo studio sul processo di selezione dei candidati all’Episcopato. E si è parlato anche delle tre istituzioni giuridiche: la Penitenzieria Apostolica, il Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica e il Tribunale della Rota Romana, come ha evidenziato Paloma García Ovejero:

R. - Possiamo dire che è la prima volta che viene affrontata la questione dei tribunali. Fino ad ora non ne avevano ancora parlato.

D. - Il cardinale George Pell ha quindi riferito sul lavoro della Segreteria per l’Economia, a lui affidata, in particolare sull’attività di formazione del personale e sulle risorse umane. Ospite del C9, il prefetto della Segreteria per la Comunicazione, mons. Dario Viganò, ha aggiornato lo stato della riforma dei media vaticani...

R. – Ha parlato dell’accorpamento della Radio Vaticana e del Centro Televisivo Vaticano; ha parlato degli incontri di lavoro che hanno avuto con la Segreteria di Stato, con la Segreteria per l’Economia, con l’Apsa, con l’Ulsa, per accompagnare questa nuova fase della riforma. Inoltre, mons. Dario Viganò ha presentato il piano per ristrutturare le frequenze radio, le nuove policy per il mondo dei social network. Ha parlato anche del futuro della Lev, la Libreria Editrice Vaticana.

D. - Ma ci sono novità da sottolineare?

R. - La grande novità, forse, c’è stata lunedì con un messaggio del C9 di piena adesione e sostegno al Papa, alla sua persona e al suo Magistero. Non è usuale che il Consiglio dei Cardinali faccia uscire un bollettino prima di finire i lavori. Però chiaramente la novità è la riforma. La novità è che il Papa va avanti verso una Chiesa sempre più misericordiosa, più fedele a Cristo.

Questi i porporati membri del C9: Pietro Parolin, segretario di Stato, Andrés Rodríguez Maradiaga, arcivescovo di Tegucigalpa, coordinatore del gruppo, Giuseppe Bertello, presidente del Governatorato, Francisco Javier Errázuriz Ossa, arcivescovo emerito di Santiago del Cile, Oswald Gracias, arcivescovo di Bombay, Reinhard Marx, arcivescovo di Monaco e Frisinga, Laurent Monsengwo Pasinya, arcivescovo di Kinshasa, Sean Patrick O’Malley, arcivescovo di Boston, George Pell, prefetto della Segreteria per l'Economia (Australia).

(Da Radio Vaticana)