AMERICA/GUATEMALA - Vescovi: Giustizia per le vittime dell’incendio dove sono morti 40 ragazze

Città del Guatemala – "La tragedia del centro d'accoglienza Hogar Virgen de la Asunción non è stato un semplice incidente, ma la tragica fine di una situazione irregolare che tante volte era stata denunciata” ha detto il Presidente della Conferenza Episcopale del Guatemala e Vescovo della diocesi di Sololá-Chimaltenango, Sua Ecc. Mons. Gonzalo de Villa y Vásquez, S.J. presentando ieri il documento conclusivo dell'Assemblea plenaria della CEG. “Insieme a tutta la società guatemalteca chiediamo un’indagine, la giusta punizione dei responsabili e urgenti misure di prevenzione perché non si ripetano fatti come quello avvenuto l'8 marzo” ha dichiarato Mons. de Villa y Vásquez.

La richiesta di giustizia da parte dei Vescovi riguarda il terribile incendio verificatosi nel centro d'accoglienza per adolescenti Hogar Virgen de la Asunción dove sono morte 40 ragazze e di cui ancora non è stata chiarita la dinamica e accertate le responsabilità .

Nella seconda parte del documento i Vescovi, esprimono un forte apprezzamento per la riforma costituzionale che si presta ad avviare il Paese per superare l'impunità e la corruzione.

Nella parte finale ringraziano il Santo Padre per la notizia della beatificazione, il prossimo 23 settembre a Oklahoma del venerabile Servo di Dio P. Stanley Francis Rother, missionario statunitense assassinato “per odio alla fede” il 28 luglio 1981 nella Parrocchia di Santiago Atitlán, Sololá, Guatemala