• Santa Messa con imposizione del Pallio

AMERICA - L’intensità imprevista delle piogge causano morti e sfollati in Ecuador e Perù

Lima – Le piogge intense cadute nelle ultime settimane in varie regioni dell’Ecuador e del Perù continuano a creare danni alla popolazione, agli animali, ai raccolti e alle infrastrutture. In Ecuador, durante la stagione delle piogge, conosciuta come inverno equatoriale, l’Istituto Nazionale di Meteorologia e Idrologia ha segnalato che nei primi 13 giorni di marzo le precipitazioni hanno raggiunto i volumi previsti per tutto il mese. L’Inamhi si aspetta che in varie regioni del Paese si manterrano condizioni anomale, specialmente nella zona costiera, e auspica che i temporali finiscano entro il mese di aprile. Secondo le stime, al momento sono oltre 5 mila le famiglie colpite. Non meno critica la situazione nel nord del Perú, limitrofo al territorio ecuadoriano, dove le piogge insistenti hanno causato finora 60 mila vittime e hanno colpito circa 600 mila persone, secondo il Centro di Operazioni di Emergenza Nazionale . Solo nella città di Piura sarebbero oltre 15 mila le vittime mentre il numero di persone colpite avrebbe raggiunto 50 mila. Il cardinale Juan Luis Cipriani, arcivescovo di Lima, ha rinnovato il suo appello alla solidarietà con le vittime delle inondazioni.