Alla Delegazione di Fedeli dell'Amministrazione Apostolica del Caucaso (per ringraziare il Santo Padre della Visita in Georgia) (1° dicembre 2016)

SALUTO DEL SANTO PADRE FRANCESCO
ALLA DELEGAZIONE CATTOLICA DALLA GEORGIA

Sala dei Papi
Giovedì, 1° dicembre 2016

[Multimedia]

Prima di tutto grazie, grazie per questa visita che porta tanti ricordi.

Io mai avevo pensato di trovare in Georgia quello che ho visto: cultura, spiritualità, un popolo che loda Gesù Cristo come il Salvatore, perché è un popolo cristiano. E’ stata per me una gioia grande.

Inoltre un’altra cosa sotto il profilo ecumenico che mi ha colpito tanto è stata la persona del Patriarca Elia II: semplicemente ho percepito lì un uomo di Dio.

Io so che ci sono tanti problemi, ma la proposta positiva di Sua Eccellenza [Mons. Pasotto, Amministratore Apostolico del Caucaso] credo che andrà bene; cercare il modo, senza forzare, di camminare insieme, lentamente.

E ricordo anche con molta simpatia l’incontro in cattedrale...; le domande dei laici...; ho visto la responsabilità dei laici nella vostra Chiesa, e questa è una grande cosa, è una grande cosa! Anche i sacerdoti, i religiosi, tutti… Ricordo bene... E vi ringrazio tanto di questo. Andare avanti! Questo lavoro come il lievito, di far crescere la massa. Tante grazie! E non dimenticatevi di pregare per me. E adesso vi do la benedizione.