​A Bolzano la beatificazione di Josef Mayr-Nusser Martirio della fedeltà

2017-03-17 L’Osservatore Romano

Il rifiuto di giurare fedeltà a Hitler costò la vita a Josef Mayr-Nusser (1910-1945), laico, padre di famiglia, presidente dell’Azione cattolica dell’arcidiocesi di Trento e membro delle conferenze di San Vincenzo de’ Paoli. Per questo suo gesto venne condannato al campo di concentramento di Dachau. Morì martire prima di arrivarci. Sabato mattina, 18 marzo, Josef Mayr-Nusser viene beatificato nel duomo di Bolzano dal cardinale Angelo Amato, prefetto della Congregazione delle cause dei santi, in rappresentanza di Papa Francesco. 

di Carlo Calloni